Hai un'agenzia viaggi e vuoi veder pubblicate su Internet le tue offerte? Oppure lavori nel campo del turismo e hai un'attivita' da pubblicizzare? TUTTO QUESTO OVVIAMENTE GRATIS?

www.viaggiareblog.com E' IL POSTO GIUSTO PER TE.

Inviaci una mail a:
info@viaggiareblog.com
vedrai pubblicato un post su di te.



Parigi è certamente una delle città più belle al mondo ma sicuramente uno delle più care in circolazione. La città della Luce non è solo Torre Eiffel, l’Arco di Trionfo e il Louvre, posti sicuramente da vedere ovviamente.
Se volete stare vicino a Montmartre o vedere la Statua della Libertà ogni mattina, non esitate ad affittare un appartamento a Parigi per le tua vacanza, soluzione molto più comoda se volete essere liberi di effettuare il vostro tour, senza pensare agli orari di un albergo.
Tuttavia, se già conosci la famosa città della Luce o che vuoi conoscerla fino ai minimi dettagli, dovresti dare un’occhiata alla Sainte Chapelle, uno dei luoghi più belli e meno conosciuti  questi monumenti della capitale francese. Si tratta forse della più alta manifestazione di arte gotica in Francia e in tutta Europa, e la sua influenza si è protratta per secoli. Ma la maggior parte dei visitatori della capitale francese purtroppo la ignora e pur avendola semmai a pochi passi non ci si ferma. Ma la maggior parte dei visitatori della capitale francese purtroppo la ignora e pur avendola semmai a pochi passi non ci si ferma. Eppure, già da lontano le vetrate istoriate fanno capire quale magia si celi al suo interno.
Le sue origini risalgono all’epoca di Luigi IX, che ordinò la costruzione di una cappella bellissima in cui conservare una delle reliquie più importanti per un fedele cristiano: la corona di spine, un pezzo della Croce e uno dei chiodi con cui Gesù fu crocifisso. Lo stesso re fu proclamato santo, tanta la sua devozione, e anche se le reliquie non sono mai state considerate ufficialmente autentiche, esse oggi sono parte del Tesoro di Notre Dame. Vederle non è affatto semplice: solo il primo venerdì del mese, o di Quaresima, o il Venerdì Santo, sono esposte al pubblico. Negli altri giorni si possono visitare soltanto i reliquari.