Hai un'agenzia viaggi e vuoi veder pubblicate su Internet le tue offerte? Oppure lavori nel campo del turismo e hai un'attivita' da pubblicizzare? TUTTO QUESTO OVVIAMENTE GRATIS?

www.viaggiareblog.com E' IL POSTO GIUSTO PER TE.

Inviaci una mail a:
info@viaggiareblog.com
vedrai pubblicato un post su di te.



Una meravigliosa isola nel cuore dell’Atlantico, spesso considerata erroneamente come parte dai Caraibi, anche se dista migliaia di chilometri dalle Bahamas.

Bermuda è la più antica colonia dell’impero britannico e venne scoperta nel 1503 da Juan de Bermudez, navigatore spagnolo a cui deve il nome.

Bermuda da leggenda
Moltissime sono le leggende che la vedono protagonista, a partire da quella di Sally Basset – una schiava uccisa sul rogo in un giorno caldissimo per aver obbligato la nipote ad avvelenare i suoi padroni – dalle cui ceneri sarebbero nati gli iris viola tipici dell’isola e da cui avrebbe avuto origine il detto bermudiano “E’ un tipico giorno Sally Basset”.
E ancora, quelle sul triangolo “maledetto” i cui vertici sono la punta della Florida, l’isola di Bermuda e la città di San Juan a Portorico: rapimenti alieni, buchi temporali, stregoneria e voodoo sarebbero la spiegazione ai misteriosi incidenti navali e aerei in quest’area, nota come “Triangolo delle bermuda” dall’omonimo libro del 1974 di Charles Berlitz e dal successivo adattamento cinematografico. Va però specificato che la Guardia Costiera americana ha evidenziato come il numero di incidenti che vi si sono riscontrati non sia affatto superiore a quello di una qualsiasi altra area di denso traffico aeronavale. Si può viaggiare tranquilli, insomma.
La leggenda più romantica, tuttavia, riguarda gli innamorati: si dice che le coppie che attraversano e si scambiano un bacio sotto gli archi di pietra dei giardini bermudiani siano destinate a una vita sentimentale lunga e felicissima.
Sposarsi su una spiaggia rosa
Luogo ideale per un viaggio di nozze, dunque, se non addirittura per un matrimonio. E non è solo una questione di leggende:  l’emozione di un “sì” sulle spiagge dell’isola seduce ogni anno centinaia di promessi sposi, grazie anche alla facilità di organizzazione. A livello legale, infatti, non ci sono vincoli residenziali ed è sufficiente spedire una “Notice of Intended Marriage” al Registrar General  e pagare una tassa di 243 BM$ per ottenere il permesso di celebrare il matrimonio sull’isola (per ulteriori  informazioni rivolgersi all’Ente del Turismo).
Spiagge: la top 5
Il biglietto da visita di Bermuda sono i suoi 120 chilometri di costa, caratterizzati da spiagge dall’insolita sfumatura rosata bagnate da mare turchese. Cinque quelle imperdibili, tutte pubbliche: la lunga Horseshoe Bay Beach a Southampton Parish;Jobson’s Cove a Warwick Parish, in una piccola baia riparata circondata da rocce a picco sul mare; Tobacco Bay Beach, in St. George Parish, le cui formazioni calcaree oltre il litorale sono il regno di coloratissimi pesci pappagallo e del sergente maggiore; Warwick Long Bay a South Road, con 8 k di sabbia finissima che guardano a un’isola corallina posta poco al largo della costa e West Whale Bay Beach a Southampton, che deve il suo nome alle balene bianche di passaggio ogni aprile durante la loro migrazione verso nord.
Veri e propri angoli di paradiso per giornate di calma e relax, scenario perfetto da cui osservare un tramonto con la propria dolce metà, ma anche luogo ideale per chi ama gli sport acquatici: body surfing, pesca d’altura, nuoto, kayak, snorkeling e diving sono ovunque praticabili e le attrezzature possono essere noleggiate in piccoli chioschi vicino alla spiaggia. Per chi desiderasse emozioni più forti, è possibile provare il brivido dello sci d’acqua o del paracadute ascensionale.
La suggestiva oscurità delle grotte
Non solo mare: meritano senz’altro una visita le splendide grotte di Bermuda, dalle Crystal Caves, a 120 metri di profondità e con un ponte di barche che sovrasta il lago Cahow, alle Fantasy Cave, a cui si accede attraverso una ripidissima discesa. Un’alta concentrazione di grotte sottomarine è inoltre presente nella riserva naturale di Walshingham (che comprende ilBlue Hole Park e la Riserva Naturale Idwal Hughes), dominata da mangrovie e con un’area per il birdwatching.
FOTO ENTE DEL TURISMO
Il profumo dell’isola
Per scoprire la ricca flora di Bermuda e immergersi in un meraviglioso paradiso visivo e olfattivo, la meta ideale sono i Giardini Botanici a Paget Parish: 36 acri che comprendono un palmeto di palme nane, un frutteto subtropicale, serre ricche di orchidee, bromelidas e una gran varietà di piante fiorite.
Ulteriori luoghi in cui la natura è protagonista sono l’Arboretum a Devonchire Parish, ideale per un picnic all’aria aperta, la riserva naturale di Paget Marsh a cui si accede con una passeggiata su assi di legno attraverso un laghetto, mangrovie, prati e foresta e Gladys Morrell, su una collina che sovrasta il villaggio di Mangrove Bay, dove nidifica l’uccello azzurro tipico dell’isola.
Tanti modi di vivere Bermuda
Oltre a un ampio ventaglio di attività, dal relax balneare alla brulicante vita della capitale Hamilton e dei suoi negozi, pub, ristoranti e club notturni, Bermuda offre un’ampia scelta di sistemazioni, per esaudire il sogno di qualsiasi coppia di innamorati.
Da un lato gli elegantissimi resort e i loro comfort, dall’altro la possibilità di affittare villettesuitesappartamenti, o ancorabed & breakfastlocande (inns) o i tipici cottages colonies, lussuose ville con un complesso centrale comune, piscina e spiaggia.
Come non restare incantati da quello che Mark Twain definì “il più piccolo grande luogo del mondo”?

Fonte:TGCOM.it